25032019Ultime notizie:

La bufala sulla causa primaria del cancro che circola sul profilo dell’On. Peru

Sul profilo Facebook del consigliere regionale Antonello Peru gira da qualche giorno un link sulle cause primarie del cancro, tratto dal blog raggioindaco.wordpress.com.

peru-su-cancro

“Nel 1931 lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il Premio Nobel per la scoperta sulla causa primaria di cancro. Proprio così. Ha trovato la causa primaria del cancro e ha vinto il Premio Nobel”, sono solo un paio delle deliranti righe che si leggono sul sito a cui punta il link postato da Peru, che potete leggere integralmente qui. Vi consigliamo vivamente la parte della teoria cospirazionistica fra industria alimentare e farmaceutica che attentano alla nostra vita….

Ora, considerati gli scivoloni presi in passato dall’Onorevole rispetto ad altre teorie pseudo scientifiche (vedi Psiconeuroanalisi Dore), non ci meravigliamo che oggi prenda in pieno un altro muretto a secco sulle cause del cancro. Infatti, come potete apprezzare nel sito “Bufale un tanto al chilo”, si tratta proprio di una bufala. Già, perché Otto Heinrich Warburg è stato un medico fisiologo tedesco, studiò a fondo i tumori e le cellule e arrivò appunto ad una scoperta importante sulla respirazione cellulare nei tessuti cancerosi. Suddetta scoperta gli valse il premio Nobel per la medicina nel 1931, ma non aveva alcuna relazione con la causa primaria del cancro.

bufala di quelle grosse

“Condividere la falsa notizia della “scoperta” sulle cause del cancro è da stolti perché spinge gente a credere a teorie con base scientifica ma che oggi sono state totalmente abbandonate, questo può portare a rischi anche gravi, come l’abbandono di terapie sicure per terapie da “stregoni” a base di cibi ed erbe”, si legge nel sito Bufale un tanto al chilo

Un altro interessante articolo che smonta la teoria della dieta alcalina come guarigione per il cancro lo potete trovare sul sito Medbunker.

Ulteriore articolo lo trovate sul sito Informare X Resistere.

Chi parla di queste cose è da considerarsi un apprendista stregone. Diffondere false informazioni (e speranze) in questo modo, oltre che un insulto all’intelligenza, è una mazzata in testa a quelle famiglie che contro il cancro ci lottano per davvero.


-- Scarica articolo in PDF --


What Next?

Articoli Correlati